COME FACCIO A COMPRENDERE CORRETTAMENTE LA BIBBIA?

IL SACERDOZIO ALLA LUCE DEL PRESENTE

Roma: Simposio in Augustianum 2019

il  I gruppi studenteschi di Ratzinger si sono tenuti dal 27 al 29 settembre  incontro annuale a Roma.

Oggetto dello scambio è stato il sacerdozio nella teologia di Joseph Ratzinger alla luce del presente.

Per la prima volta, parte dello scambio accademico si è svolto in pubblico:

 

  Simposio il 28 settembre 2019

Programma:

 

Benvenuto e introduzione al tema del Cardinale Kurt Koch (Roma)


Conferenza: L'Ufficio Sacramentale nella Chiesa
         Prof. Dott. Karl - Heinz Menke (Bonn)

 

 

I. Dichiarazione: Qual è il sacerdozio comune di tutti i credenti e?
In cosa differisce dal sacerdozio ordinato?

Dott. María Esther Gómez de Pedro (Santiago del Cile)


II Dichiarazione: Perché è necessario il ministero ordinato nella chiesa?
Prof. Dott. Christoph Ohly (Treviri)

III. Dichiarazione: ordinato sacerdozio e celibato per il regno dei cieli?
Prof. Dott. Marianne Schlosser (Vienna)


IV Dichiarazione: Quali sono i requisiti per la consacrazione?
Cardinale Gerhard Ludwig Müller (Roma)

Termina con un messaggio in conferenza
Cardinale Kurt Koch (Roma)

 

"Ho ricevuto dal Signore quello che ti ho dato"

 

Messaggio della conferenza per il simposio pubblico

"Sfide attuali dell'ufficio di ordinazione ecclesiastica"

 

  1. Con il simposio su "Sfide attuali dell'ufficio di consacrazione della chiesa", il gruppo studentesco e il nuovo gruppo studentesco di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. ha cercato un pubblico più vasto per la prima volta in molti anni. La decisione è stata presa nella convinzione che sia giunto il momento di aprire anche in questo modo il pensiero teologico del Papa emerito a un pubblico più ampio nelle conferenze e nelle discussioni. Siamo felici e grati che così tante parti interessate abbiano accettato questo invito ed esprimiamo la nostra speranza che questo sia anche un buon inizio per il nostro lavoro futuro.

  2. La lettera di Papa Francesco ai sacerdoti in occasione del 160° anniversario della morte del santo parroco d'Ars - datata 4 agosto 2019 - ci ha incoraggiato anche nella nostra decisione di dedicarci alla questione dell'ufficio di ordinazione ecclesiastica. In un "tempo di sofferenza", offuscato dallo scandalo degli abusi, affrontiamo questa sfida per cercare "parole e vie di speranza", affinché nei "tempi di purificazione ecclesiale" di nuovo la bellezza e il senso dell'opera ecclesiale L'ufficio di ordinazione può essere riconosciuto e accolto come un dono del Signore alla sua Chiesa. Pertanto, nelle nostre deliberazioni, abbiamo posto particolare enfasi sul sacerdozio ordinato sacramentale e alla luce della teologia di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. cercato di penetrare.

  3. Le affermazioni sul sacerdozio ordinato sono indissolubilmente legate alla questione della natura della chiesa. La teologia di Joseph Ratzinger si basa sul Concilio Vaticano II e ne offre un'interpretazione autentica. Papa Giovanni XXIII lo aveva già fatto. riconosciuto quando ha preso atto con grande approvazione della conferenza preparata dal professor Ratzinger per il Card. Frings sul tema "Il Concilio e il mondo moderno del pensiero". L'ultimo Concilio descrive la Chiesa come un "sacramento di salvezza onnicomprensivo" (LG 48). Come tale è «segno e strumento dell'unione più intima con Dio come dell'unità di tutta l'umanità» (LG 1). Il risorto continua la sua opera di salvezza nella chiesa. Nel battesimo, plasmato come Cristo e incorporato nella Chiesa come suo corpo, il cristiano riceve una partecipazione alla vita eterna ed è chiamato a percorrere il cammino della santità. Tale vita e questa testimonianza sono chiamate a tutti i battezzati nel sacerdozio comune. Nel centro interno della chiesa - questo è chiaramente evidente nella teologia di Joseph Ratzinger - quelle persone sono che conducono una vita santa. Questo è l'obiettivo dell'essere cristiani: formarsi per essere come Gesù Cristo. Siamo quindi grati per tutte le testimonianze di questa santità nel matrimonio e nella famiglia, nella vita consacrata e in tutte le altre forme che si possono trovare oggi nella Chiesa.

  4. Comprendere l'ordinazione richiede una prospettiva sacramentale, come presentata nell'ultimo concilio. Cristo Signore ha istituito nella sua Chiesa diversi uffici di ordinazione, «orientati al bene di tutto il corpo» (LG 18). La vocazione e l'esistenza del sacerdote sono determinate unicamente dalla volontà di Gesù Cristo (cfr Eb 5,1ss) e non derivano da considerazioni umane o da determinazioni ecclesiali. In lui e con lui il sacerdote diventa «un predicatore della parola e un servitore della gioia».

  5. L'equazione con Cristo, che il sacerdote riceve nel sacramento della consacrazione, differisce non solo nel grado ma nell'essenza dal sacerdozio comune (cfr LG 10). Il sacerdote agisce «nella persona di Cristo, capo della Chiesa» (agere in persona Christi capitis). Non è un funzionario, anzi, nello stare con Cristo, svolge la sua missione che viene da Dio. Ciò è particolarmente evidente nella santa autorità di rinunciare al peccato, di trasformare il pane e il vino nel corpo e sangue di Cristo, e di celebrare gli altri sacramenti. Il sacerdote rappresenta in modo sacramentale Cristo come Buon Pastore (cfr Gv 10,10). In questa personale convivenza di Cristo e Chiesa, di sacerdote e credente, sta, secondo l'insegnamento della Chiesa, la ragione decisiva, perché essenziale, della rappresentazione sacramentale di Cristo nel sacerdote. Non rappresenta Cristo, come farebbe un messaggero, ma è una vera rappresentazione, la sequela della croce è il criterio decisivo.

  6. Da ciò si possono derivare affermazioni fondamentali riguardo allo stile di vita sacerdotale, che deve essere in sintonia con lo stile di vita di Cristo. Solo allora la "rappresentazione" del sacerdote diventerà credibile. La presenza di Cristo non deve limitarsi al solo atto sacramentale, ma deve diventare riconoscibile ed efficace nella vita quotidiana. Da ciò scaturiscono gli obblighi all'obbedienza e al celibato come celibato per il regno dei cieli, che sono espressioni umane e spirituali della formazione sacramentale del sacerdote con Cristo. Quindi l'ordinazione sacerdotale implica la sequela personale di Cristo, mentre il peccato è quello scandalo che oscura la credibilità. Poiché il sacerdote esiste da Cristo, la partecipazione al modo di vivere di Gesù è "appropriata" (PO 5) per coloro che agiscono nella sua persona. Il celibato è dunque, secondo la tradizione permanente della Chiesa latina, una testimonianza eloquente di speranza credente e di amore generoso per Cristo e per la sua Chiesa.

  7. In tempi di crisi e di dolorosa purificazione della chiesa, non sono principalmente le riforme strutturali a portare guarigione e aiuto, ma la testimonianza di fede autenticamente vissuta. Solo quando lo sguardo comune sarà rivolto a Gesù Cristo come vero uomo e vero Dio, la Chiesa si rinnoverà. 

  8. La dichiarazione di S. Paolo «Ho ricevuto dal Signore ciò che vi ho trasmesso» (cfr 1 Cor 11,23) rispecchia la caratteristica essenziale del sacerdote. La grandezza di questo dono è stata offuscata dagli scandali e la sua credibilità scossa. Una via d'uscita si può trovare solo se è e rimane chiaro in che cosa consiste l'essenza dell'ufficio di consacrazione ecclesiastica e la vita lo testimonia. La teologia di Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI. dà risposte a questa doppia sfida e indica un cammino che sa legarsi alla tradizione e conduce a quella riforma che orienta la vita verso Cristo e gli dà credibilità.

  9. Affidiamo lo studio e la preghiera di questo Convegno all'intercessione e all'assistenza della Beata Vergine Maria, Madre della Chiesa.  
     

Roma, 28 settembre 2019
 

Schülerkreis e il nuovo Schülerkreis

Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI.