CRISTIANESIMO E MARTIRIO

Incontro dei gruppi studenteschi a Villa Fatima sulla Via Aurelia 2017


Cristianesimo e martirio
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
rapporto

 

 

 

L'incontro dei due gruppi studenteschi di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. si è svolto a Roma dal 31 agosto al 3 settembre. La sede era la Villa Fatima sulla Via Aurelia. Quest'anno il tema era “Persecuzione dei cristiani e martirio.” I cristiani sono ancora la comunità religiosa più perseguitata al mondo. Si ritiene che 200 milioni di cristiani in 60 paesi siano minacciati di morte a causa delle loro convinzioni, un fatto che viene a malapena coperto dai media occidentali. Tanto più importante è stato lo scambio di esperienze con i cristiani perseguitati durante l'incontro e l'approfondimento della dimensione spirituale e teologica del martirio.

Sono stati invitati tre relatori. Il Vescovo Copto Dott. Kyrillos Guglielmo d'Assiut in Egitto, che aveva trascorso diversi anni come assistente per le vacanze in Germania durante i suoi studi di dottorato a Roma, ha raccontato in prima persona la vita dei cristiani in un paese arabo. Molti egiziani non sapevano leggere e scrivere ed erano quindi sotto l'influenza degli Imam, che rifiutavano qualsiasi altra religione. Sono quindi più gli istruiti che cercano il contatto con la Chiesa e si fanno segretamente cristiani. La coesione dei cristiani tra loro è particolarmente forte a causa della minaccia dall'esterno, e la loro identificazione con la Chiesa è forte e resistente.

Il giorno dopo, il Vescovo dott. Manfred Scheuer von Linz ha tenuto una conferenza su “Persecuzione e martirio tra ideologia della morte e testimonianza della vita”. concetto di martiri” in pubblico: denota più la vittima che il testimone. Nella tradizione cristiana, invece, la testimonianza di Cristo, l'amore mantenuto nella fede in lui anche nella sofferenza, è il criterio decisivo del martire. Oltre al “martirio rosso” attraverso la devozione della propria vita, si conosce anche un “bianco” (per ascesi e abnegazione) e un “martirio verde” (per l'annuncio della fede in una cultura straniera). La sofferenza per Cristo ha molti volti ed è sempre una testimonianza di speranza nel Dio che fa vivere ogni cosa. Attraverso questa dimensione pasquale del martirio, alcuni testimoni hanno maturato di fronte alla morte una profonda intuizione della volontà salvifica di Dio, tanto che le loro lettere di congedo erano spesso colme di una sorprendente allegria e serenità.

Nel pomeriggio il Prelato dott. Helmut Moll, membro del gruppo studentesco e rappresentante della Conferenza episcopale per il “Martirologio tedesco del XX secolo” (pubblicato nella sesta edizione nel 2015), affermato esperto in materia di diritto ecclesiastico e giuridico dimensione del martirio Tre sono i criteri per riconoscere un martirio: la morte violenta da parte degli altri, l'odio per la fede come motivazione dell'autore, e l'accettazione consapevole della volontà divina da parte del martire. Moll ha sottolineato che il terzo criterio era anche il più difficile da dimostrare, motivo per cui i processi di canonizzazione spesso richiedevano molto tempo e dovevano essere eseguiti con molta attenzione fino a quando non fossero state trovate e verificate le fonti pertinenti. “Martiri” dovrebbero quindi essere chiamati solo i beati ei santi realmente canonizzati, mentre tutti gli altri dovrebbero essere chiamati “testimoni della fede”. Papa Francesco ha recentemente messo in gioco un quarto criterio: la devozione alla vita, ad esempio nella cura dei malati.

Come sempre, le presentazioni sono state riprese e proseguite in una discussione stimolante. Si è presa in considerazione la possibilità di una giornata ecumenica dei martiri e si è evidenziata la memoria dei cristiani perseguitati come una costante richiesta di preghiera. Un partecipante ha così sintetizzato l'impulso della conferenza: "Abbiamo bisogno dei martiri per superare la nostra mediocrità".

Oltre allo scambio di contenuti, si è discusso anche dell'organizzazione dei futuri incontri, e nuove elezioni nel Consiglio di Fondazione e nel Nuovo Gruppo Studentesco hanno tracciato la rotta per il futuro in termini di personale. Nel Consiglio Direttivo, il dott. Josef Zöhrer P. Dott. Stephan Horn SDS e assumerà gradualmente i compiti di portavoce del gruppo studentesco. D'ora in poi, il nuovo gruppo di studenti sarà guidato dal Prof. Dr. Christoph Ohly (1° presidente), P. Dr. Sven Conrad FSSP (2° presidente) e il pastore Dr. Rainer Hangler (tesoriere) e ha la forma giuridica di associazione registrata. Ringraziamo espressamente tutti coloro che finora hanno contribuito alla gestione e all'organizzazione dei gruppi studenteschi.

Una piccola delegazione dei gruppi scolastici ha infine visitato l'attuale iniziatore, docente e promotore dell'incontro, il Papa emerito Benedetto XVI, nel Monastero Mater Ecclesiae. Era molto interessato alla conferenza e sceglierà anche l'argomento per il prossimo anno.

L'incontro si è concluso con la Santa Messa della domenica mattina nella cappella domestica di Villa Fatima e ha liberato tutti i partecipanti affinché possano portare avanti il tema delle giornate insieme nella testimonianza della propria vita.

Manuel Schlögl   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: Michael Hofmann

Rom_2017_05_a_Gruppenbild-.jpg
Sii un fiduciario del talento che ti è stato affidato
Persecuzione e martirio tra l'ideologia della morte e la testimonianza della vita
Contenuto e forma del martirio cristiano nei secoli XX/XXI secolo
Una discussione storico-teologica
Consiglio di amministrazione e Consiglio di fondazione di  
Josef Ratzinger Fondazione Papa Benedetto XVI