MISSIONE

Incontro delle scolaresche a Castelgandolfo 2009

missione

 
 

 

 

 

 

 

Rapporti
 

Gruppo di studenti

Per l'incontro scolastico con Papa Benedetto a Castelgandolfo nel 2009, il tema della “Missione” – la prima evangelizzazione dei popoli – è stato determinato con grande unanimità. Siamo stati in grado di contribuire a un nuovo risveglio missionario di fronte alla crisi della missione? I relatori della giornata teologica con papa Benedetto (29 agosto) sono stati i professori emeriti Peter Beyerhaus e Horst Bürkle. Beyerhaus, un rappresentante della direzione evangelica nel luteranesimo tedesco, ha dato alla sua conferenza il titolo "La missione ad gentes - la sua giustificazione e forma oggi". Bürkle, professore luterano convertitosi alla Chiesa cattolica, aveva così caratterizzato il suo tema: "La Chiesa e la sua missione in dialogo con persone di religioni e culture cambiate". Purtroppo quest'anno il tempo per il discorso teologico con papa Benedetto è stato più breve rispetto all'anno scorso.

Il professor Beyerhaus ha diagnosticato la crisi missionaria come una crisi fondamentale per tutto il cristianesimo, ma allo stesso tempo ha indicato un nuovo inizio della missione. Soprattutto, ha presentato uno spettacolo di storia della salvezza trinitaria indipendente per la giustificazione della missione. La missione è una Missio Dei: si basa sull'invio del Figlio di Dio e dello Spirito Santo nel mondo. Il tempo non ha permesso al Prof. Beyerhaus di presentare la sfida storica di oggi alle missioni mondiali.

Anche il professor Bürkle ha potuto presentare solo una parte della sua presentazione. Quindi non poteva rispondere alle sfide che le interpretazioni universalistiche delle religioni straniere rappresentano per il cristianesimo. Probabilmente a causa del prossimo secondo sinodo d'Africa, ha affrontato il problema dell'inculturazione in Africa e ha affermato in modo convincente che i movimenti che alienano il cristianesimo o includono solo singoli elementi cristiani nelle loro comunità tradizionali possono essere respinti solo se la chiesa apre la strada a un'autentica inculturazione .

Domenica mattina il Santo Padre ha celebrato la Santa Messa con il gruppo studentesco e il nuovo gruppo studentesco nel Centro Mariapoli di Castelgandolfo e ha pronunciato l'omelia.  A colazione insieme, il cardinale Schönborn ha rivolto una parola di ringraziamento a papa Benedetto. Successivamente il gruppo di studenti del Santo Padre ha potuto presentargli un'ampia bibliografia del suo lavoro scientifico. Il libro è stato presentato al dott. Vinzenz Pfnür - redattore benemerito -, P. Dr. Stefano Corno -  Portavoce del gruppo studentesco come curatore dell'opera - e l'editore Dr. Dirk Hermann Voss. La preghiera dell'Angelus nella residenza papale ha finalmente riunito il Santo Padre con la sua cerchia di studenti e la nuova cerchia di studenti.

Nel pomeriggio di domenica, il gruppo di studenti si è incontrato con il nuovo gruppo di studenti - ora senza Papa Benedetto, ovviamente - per un ampio dialogo. Si basava sulla presentazione di uno studente di Papa Benedetto, l'Abbé Dr. Barthélemy Adoukonou, il segretario del  Conferenze episcopali dell'Africa occidentale.  Adoukonou ha presentato la missione della Chiesa come Famiglia di Dio nell'Africa occidentale sotto il titolo "La Chiesa in Africa e il nuovo inizio della missione dal Vaticano II".

La conferenza e altri due resoconti di esperienze dall'India (del P. Dr. Alex Thannippara, membro del gruppo studentesco) e della Tanzania (del Dr. Achim Buckenmaier, membro del nuovo gruppo studentesco) hanno portato a uno scambio di idee vivace e fruttuoso.

Addendum: Le osservazioni del Prof. Beyerhaus hanno utilizzato il teologo protestante Werner Neuer come occasione per rendere omaggio alle iniziative ecumeniche di Papa Benedetto. A partire dal suo lavoro di docente a Freising fino all'incontro studentesco di quest'anno a Castelgandolfo.
Pubblicato in Diakrisis 30 (2009/4) 238–242

P. Stephan Otto Horn

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: Michael Hofmann

 

Nuovo gruppo di studenti

 

Su invito del gruppo studentesco di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI e dello stesso Santo Padre, dal 29-29 è venuto il Nuovo Gruppo Studentesco Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI, il gruppo di giovani teologi che si occupano scientificamente della teologia di Joseph Ratzinger. 31. agosto 2009 insieme a Castel Gandolfo. Dopo il primo incontro dello scorso anno e il primo convegno nazionale del Nuovo Circolo Studentesco dal 24 al 26. Aprile 2009 a Fulda questo è stato il terzo incontro congiunto.

Durante il culto comune della domenica mattina presto, la successiva colazione con il gruppo di studenti e Sua Santità e l'accoglienza personale dopo la preghiera dell'Angelus di mezzogiorno, i giovani teologi hanno avuto l'opportunità profondamente impressionante e arricchente di incontrare di persona il Santo Padre. Ciò è stato possibile durante l'incontro di quest'anno del gruppo studentesco sul tema "Missione".

Dopo essere arrivato e aver pranzato con il gruppo studentesco, il nuovo gruppo studentesco si è riunito sabato per accogliere tre nuovi membri nelle sue file. In questa prima sessione di lavoro, in cui sono state prima chiarite le questioni organizzative, i teologi hanno poi affrontato il tema della "missione". Il gruppo aveva volutamente scelto questo tema, di cui si sono occupati in questi giorni anche il gruppo di studenti e papa Benedetto. Dal lettore compilato e precedentemente editato, i singoli membri dovevano presentare ciascuno un testo di Ratzinger sul tema della missione e metterlo in discussione. Insieme al gruppo studentesco del Papa, che il Nuovo Gruppo Studentesco ringrazia per l'invito e l'incontro in questo gruppo, in serata si potrebbe proseguire il confronto professionale e personale. La domenica è stata caratterizzata dall'incontro con il Santo Padre. Nel pomeriggio c'è stato un incontro di lavoro con i relatori di quest'anno alla riunione a porte chiuse del Papa e del gruppo di studenti, il missiologo protestante ed esperto ecumenico prof. Peter Beyerhaus di Tubinga e il professore emerito di teologia evangelica di Monaco Heinz Bürkle, che si è convertito alla Chiesa cattolica. Entrambi hanno messo le loro tesi a disposizione del nuovo gruppo studentesco, che è stato incorniciato dalla discussione congiunta tra i due gruppi studenteschi. Insieme ad alcuni rappresentanti del gruppo di studenti, hanno presentato ai giovani teologi le loro riflessioni sul tema della "Missione tra i popoli: la sua giustificazione e la sua forma oggi", che hanno tenuto sabato all'incontro con il Santo Padre.

Successivamente, il gruppo studentesco e il nuovo gruppo studentesco si sono riuniti in un grande gruppo per continuare a parlare del tema della missione e, in particolare, per scambiare idee sulla situazione in Africa e India. Una giornata movimentata e suggestiva chiusa per tutti con un conviviale ritrovo.

Prima di partire, il nuovo gruppo di studenti si è riunito lunedì per un incontro finale tutto loro. Guardando indietro, ciascuno dei membri ha espresso la propria gratitudine e condiviso le proprie esperienze negli ultimi giorni. La prospettiva ha infine portato alla prossima conferenza nazionale del Nuovo Circolo Studentesco, che ha avuto luogo dal 16.-18. Aprile 2010 a Graz. Durante l'incontro, i membri affronteranno il tema dell'ecclesiologia. Il relatore principale è il teologo fondamentale Prof. Dr. Manfred Heim OCist, Abbazia di Heiligenkreuz.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto e testo: Manuel Wluka

 

 

 

 

CG_2009_67.JPG