ERMENEUTICA BIBLICA E CHIESA

Conferenza del nuovo gruppo studentesco a Heiligenkreuz 2018

Ermeneutica biblica e religiosità

 

Circa nove mesi dopo la richiesta di papa em. Benedetto XVI A Roma la conversione in associazione registrata ha incontrato il nuovo gruppo studentesco Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. eV dal 22. al  24 giugno 2018 nell'abbazia cistercense austriaca di Heiligenkreuz vicino a Vienna per il suo "incontro nazionale" annuale. L'ospite nell'abbazia di Heiligenkreuz era l'abate Dr. Maximilian Heim OCist, che è lui stesso membro del New Student Circle e invitato a partecipare ai momenti di preghiera dei monaci, a cui i membri del New Student Circle hanno partecipato volentieri.

L'invito del consiglio di amministrazione al Prof. Dr. Christoph Ohly (1° presidente), P. Dr. Sven Conrad FSSP (2° presidente) e il dott. Rainer Hangler (tesoriere) è stato seguito da circa 20 membri del nuovo gruppo studentesco. Il portavoce di lunga data del gruppo studentesco Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI, il prof. em. P. Dott. Stephan Horn SVD, così come il Dr. Josef Zöhrer, presidente della Fondazione Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI.

 

Lo studioso del Nuovo Testamento Prof. Dr. Marius Reiser: "Nell'ermeneutica biblica abbiamo perso di vista l'obiettivo".

Il fulcro dell'incontro nell'abbazia di Heiligenkreuz è stato, oltre alla questione dell'ulteriore sviluppo della Neue Schülerkreis eV, soprattutto lo scambio personale e accademico attorno al lavoro e al pensiero di Joseph Ratzinger / Papa em. Benedetto XVI

Alla luce dell'attuale discussione all'interno del Nuovo Circolo Studentesco con la trilogia di libri di Papa Benedetto "Jesus von Nazareth" (2007-2012), quest'anno il focus particolare è stato sulla questione della corretta ermeneutica biblica e dell'esegesi del testo all'interno della teologia accademica. Il professore di lunga data per il Nuovo Testamento nel dipartimento di teologia cattolica dell'Università Johannes Gutenberg di Magonza, Marius Reiser, ha potuto essere vinto come relatore.

Nella sua conferenza, il teologo, filologo e biblista ha chiarito il cambiamento decisivo che l'ermeneutica biblica e l'esegesi testuale avrebbero subito dopo l'Illuminismo: Mentre dal tempo dei padri all'epoca dell'umanesimo, la Sacra Scrittura è stata considerata un libro ispirato in quale lo Spirito Santo era tutte le parti (apparentemente opposte) si sono unite in un'unità e da Origene a Tommaso d'Aquino, oltre al senso letterale, era giustificata l'interpretazione allegorica della Scrittura, invece la Bibbia è stata considerata fin dall'Illuminismo come "un libro come un altro" (Reiser) e quindi in termini di contenuto enfatizza gli opposti piuttosto che l'uniforme e considera non scientifiche le interpretazioni allegoriche. Secondo Reiser, il risultato è che l'esegesi biblica si è sviluppata da un'esegesi basata sulla chiesa o regula fidei a un'esegesi storico-letteraria e questo porta al "pericolo dell'esegesi classica antiquaria" (Reiser).

Nei secoli XX e XXI, in particolare, si è verificata una vera "esplosione di nuove teorie e metodi" (Reiser) nel campo dell'esegesi biblica, il cui unico denominatore comune, però, è che si oppongono a un'interpretazione puramente teologica della Sacra Scritture. Perché questo è generalmente considerato "pre-critico" - un'arroganza verso l'ermeneutica del padre, che, come ha affermato con rammarico il prof. Reiser, si ritrova addirittura nella lettera della Pontificia Commissione Biblica del 1993 "L'interpretazione della Bibbia nella Chiesa". Marius Reiser, da parte sua, ha accusato con arroganza e arroganza quei ricercatori che considerano l'esegesi biblica pre-illuminista come "pre-critica" e ha anche sottolineato che il disaccoppiamento della Bibbia dalle sue origini ecclesiastiche e spirituali ha dimostrato di portare a una completa alienazione degli esegeti dalla chiesa e dalla tradizione deve, poiché secondo i metodi della ricerca storica, sia Dio che i contenuti essenziali del Nuovo Testamento, come gli atti miracolosi di Cristo, dovrebbero essere respinti come antistorici o insostenibili. Così l'esegesi biblica praticata a partire dall'Illuminismo tende ad essere a-teologica e a-teistica dal basso verso l'alto.

Marius Reiser ha implorato davanti al New Student Circle una fusione di "vecchia" e "nuova" ermeneutica biblica. È importante dare uno sguardo non mascherato alle rispettive realizzazioni delle due ermeneutiche bibliche - ma soprattutto nel tempo presente riabilitare l'originale ermeneutica biblica, che è considerata "precritica", e chiedere più ecclesialità nell'esegesi biblica (e anche dagli stessi esegeti) Come esempi importanti Reiser ha chiamato la trilogia del libro "Gesù di Nazareth" di Benedetto XVI e la sua lettera apostolica post-sinodale del 2010, "Verbum Domini", una riuscita riconciliazione delle due ermeneutiche.

La conferenza del professor Reiser e due brevi conferenze dei membri del New Student Circle, PD Dr. Michaela Hastetter (un confronto tra Georges Florovsky e Joseph Ratzinger) e il Prof. Dr. Achim Buckenmaier ("Origine, significato ed effetti dell'incognito di Dio nell'opera di Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI.") Ha portato a vivaci discussioni e sono state integrate dalla celebrazione congiunta della liturgia e da un'accogliente riunione dopo gli incontri tenuti. Il Nuovo Gruppo Scolastico ringrazia l'Abate Maximilian Heim per il successo dell'incontro nazionale all'Abbazia di Heiligenkreuz ed è già in attesa dell'incontro con il Gruppo Scolastico che avrà luogo a Castel Gandolfo all'inizio di settembre.

 

Stephan Ahrens

Foto: Rainer Hangler