I TRE LIBRI DI GES
AL SERVIZIO DELLA CHIESA IN AFRICA

Simposio in Benin 2013,
Iniziativa del vescovo Adoukonou, finanziata dalla Fondazione Vaticana e sostenuta dal Pontificio Consiglio della Cultura, dalla Conferenza episcopale del Benin e dalla Fondazione Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. supportato da personale

Sulla trilogia di Gesù di Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI.  

 

 

 

 

 

 

 

«Evangelizzare nel profondo l'anima dell'Africa» (Africae munus, 91)

I libri di Gesù di Papa Benedetto XVI. al servizio della Chiesa in Africa

Quando siamo venuti la sera del 13 settembre  calpestato il suolo africano dopo l'atterraggio, l'aria tropicale pesante, umida e afosa ci ha colpito in faccia. Era già buio. Nella piccola sala arrivi la gente si accalcava intorno a valigie, passaporti e visti d'ingresso. Africa - Africa occidentale - Benin: Un piccolo Paese con uno stretto lembo di costa, dove solo 150 anni fa arrivarono i primi missionari per predicare il "Vangelo di Cristo, Figlio di Dio" (Mc 1,1). Ci è stato permesso di seguire le loro orme. Mons. Barthélémy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio della Cultura, aveva membri del gruppo studentesco e del nuovo gruppo studentesco Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. Invitato insieme a teologi belgi e francesi a leggere i libri di Gesù del Papa in un contesto africano ea svilupparne vari argomenti in un simposio scientifico. Un gran numero di sacerdoti del Benin, professori universitari di varie discipline, avvocati e psicologi, rettori di seminari, seminaristi e studenti di teologia, suore e laici interessati del Benin e dei paesi limitrofi dell'Africa occidentale hanno accolto l'invito a Cotonou al "Center de Ricerca e spiritualità".

L'Africa nell'anno della fede! Il Benin, l'origine della religione tradizionale di Vodun, aveva nuovamente aperto il cuore a Cristo, come dimostra chiaramente il monumento all'ex porto degli schiavi accanto alla "Porte du Non-Retour" (Porta del non ritorno) a Ouidah. Nella "Porte du Salut" (Porta della Salvezza), progettata come un muro come il monumento degli schiavi, l'apertura al Vangelo ha assunto i contorni geografici del Benin. Qui, dove un tempo migliaia e migliaia di schiavi venivano imbarcati spietatamente e crudelmente nelle condizioni più disumane, i primi missionari sbarcarono nel Dahomey, l'odierno Benin, nel 1861. Nel rilievo sulla facciata del monumento con vista sull'Oceano Atlantico, dieci raggi escono dal simbolo celeste della Santissima Trinità. Ciò corrisponde a dieci mani tese delle persone mostrate nella parte inferiore del portale, che catturano i raggi. Nessun raggio è perduto, l'intero vangelo, la Torah genuina di Nuovo Mosè, è stato ripreso in Benin e tradotto nella propria cultura.

Non per niente Mons. Adoukonou si dedica instancabilmente al tema dell'inculturazione e ha persino fondato il movimento Sillon Noir ("Black solco", o più liberamente tradotto "cultura africana"), da cui è cresciuta una sua comunità che prende il nome di Nostra Signora dell'inculturazione porta: "Notre Dame de l'Inculturation". La preoccupazione del movimento di inculturazione è di raccogliere elementi preziosi della religione tradizionale e di inculturarli nella vita cristiana, come le danze ei canti tradizionali con i loro ritmi e strumenti. In tal modo, Adoukonou divenne sempre più consapevole che alla fine doveva trattarsi di una conversione nel profondo del cuore. Non basta semplicemente cristianizzare gli elementi tradizionali. Se la Chiesa in Africa si considera la famiglia di Dio, ma le tribù stanno ancora combattendo contro altre tribù (come la triste realtà nel sanguinoso conflitto tra i membri delle tribù hutu e tutsi in Ruanda), la fede unificante in Cristo non è eppure abbastanza profondamente è penetrato nei cuori, non ha ancora pienamente sviluppato la sua forza trasformatrice e rinnovatrice in Africa.

Ma come in Europa, sia pure in circostanze diverse, anche qui è necessaria una nuova evangelizzazione. Le influenze del Vodun, a cui appartiene il 50% della popolazione, sono ancora molto forti. Nella storica città portuale di Ouidah, centro religioso di Vodun, un giovane africano, che si era posizionato davanti alla Chiesa cattolica di fronte al tradizionale tempio del serpente, ha chiesto ai nostri compagni africani chi fosse: "Io sono un Figlio del Tempio del Pitone!" La fede in Gesù Cristo deve affermarsi contro il culto degli antenati e altre pratiche magiche. La paura di essere maledetti, il potere del defunto e la preoccupazione di essere adorati come un piccolo idolo dopo la morte, affliggono i cristiani. Ecco perché il tema dell'inculturazione è così importante qui. Un professore universitario ci ha spiegato: "Non voglio essere adorato come una divinità nel mio villaggio dopo la mia morte! Ecco perché ora devo fare una campagna per l'inculturazione del Vangelo".

Oltre al problema delle religioni tradizionali, nella giovane chiesa del Benin si ripete la lotta della vecchia chiesa per la giusta fede. Chi è Gesù Cristo, chi è lo Spirito Santo e come sono collegati i due? Dopo che un prete cattolico ha guarito una donna paralizzata su entrambe le gambe due anni fa, lei si è vista come l'incarnazione dello Spirito Santo. Sono evidenti i paralleli al manicheismo con il suo fondatore Mani, che si considerava l'incarnazione del Paraclito. In Benin, intorno alla donna guarita si è raccolto un nuovo gruppo eretico-scismatico: la Chiesa cattolica privata Baname (Église Catholique Privée de Gbanamé), alla quale si sono uniti migliaia di cattolici - sacerdoti, religiosi e laici. Come mai? Da dove viene il fascino per questa setta? Se lo Spirito Santo, così si dice, si incarna qui nel nostro Paese, in Benin, allora dobbiamo sostenerlo!

Ci è apparso sempre più chiaro quanto fosse importante l'iniziativa teologica del Vescovo Adoukonou, finanziata dalla Fondazione Vaticana e sostenuta dal Pontificio Consiglio della Cultura con il patrocinio del Cardinale Ravasi, la Conferenza Episcopale del Benin e la Fondazione Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI . era supportato da personale. In preparazione al simposio, dalle 16.-18. Settembre ha organizzato tre giorni intensivi di lettura (lecture guidée) nel "Center de Recherche et Spiritualité" con cinque unità di mezza giornata su vari argomenti dei libri di Gesù. Divisi in due gruppi, i circa 50 partecipanti hanno studiato sotto la direzione di padre Jacques Servais di Roma ei membri dei gruppi di studenti di Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI. (P. Stephan Horn e Michaela C. Hastetter) dopo le introduzioni teologiche, i singoli capitoli dei tre volumi, che sono stati poi discussi e approfonditi insieme in seguito. Sono state affrontate questioni ermeneutiche, ma anche di contenuto come la questione dei miracoli, della morte e della risurrezione, delle Beatitudini, dell'immagine giovannea dell'acqua, ma anche di temi trasversali come la veglia e il risveglio.

Il simposio teologico, che era stato annunciato come "Colloque international sur les trois tomes de Jésus de Nazareth de Joseph Ratzinger", ha continuato l'argomento per un pubblico più ampio dal 18 al 22 settembre. Le lezioni vertevano principalmente su una discussione teologica dei libri del Papa su Gesù, ma anche su altri aspetti della sua teologia sulla politica e sulla società: Come funziona Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. nei suoi libri di Gesù le Sacre Scritture, con cui l'ermeneutica apre il Vangelo (JP Sonnet, O. Arthus), che posto ha lo Spirito Santo nella sua opera e soprattutto nei libri di Gesù (MC Hastetter), com'è la sua spiritualità compreso e come interpreta le Beatitudini (St.O. Horn), in che misura lo scambio e la fratellanza sono un aspetto dell'ecclesiologia di comunione del Papa (J. Servais), come è il rapporto tra la preghiera di Gesù e le dichiarazioni cristologiche formata nei libri di Gesù (J. Pech) e quali implicazioni derivano dai libri di Gesù per lo stato e la politica (F. Louzeau, C. Ohly) - tutte domande a cui le singole conferenze del simposio hanno cercato di dare una risposta. Nel pomeriggio sono state discusse e approfondite le unità tematiche delle lezioni per il contesto africano, proseguite sulla base di interventi di teologi e laici africani.

All'apertura del simposio, il 18 settembre 2013, erano presenti alti esponenti ecclesiali che si sono rivolti ai partecipanti: il Nunzio Apostolico mons. Brian Udaigwe, il segretario del Pontificio Consiglio della Cultura mons. Barthélémy Adoukonou, Amministratore Apostolico delle Diocesi Proto-Novo Mons. P. Jean-Benoît Gnambodè, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Cotonou, P. Philippe Kinkopn, Prof. Albert Tévédjè, Mediatore della Repubblica e P. Edouard Adè, Responsabile del Centro di Inculturazione e Spiritualità di Cotonou. Il colloquio scientifico si è tenuto in due diverse parrocchie a Cotonou con un S. Fiera iniziata e finita. Cori con canti tradizionali nella lingua nativa Fon danno musica ai servizi ecclesiali che hanno dato a noi europei un'esperienza esistenziale del tema dell'inculturazione in Africa. Nelle prediche il popolo di Dio ha partecipato al nostro scambio di idee, che aveva portato al centro della fede, a Gesù di Nazareth, il Figlio di Dio. Mons. Adoukonou, nell'omelia di apertura del simposio, ha esortato: “Dobbiamo uscire dai nostri particolarismi per aprirci all'ascesa al Dio vivo e vero”. Al termine dell'intensa settimana di studio, un giovane africano che attualmente studia teologia a Roma si è rammaricato: "Peccato che questo evento non sia durato due settimane, quindi avremmo potuto incontrare ancora di più Cristo".

Ripensando agli undici giorni di permanenza in Benin sotto il cielo profondamente annuvolato e quasi interamente grigio con cui il Paese guardava alla stagione delle piogge, sentiamo tutti una grande gratitudine: La lettura e lo studio dei libri di Gesù di Joseph Ratzingers / Papa Benedetto XVI . Nell'incontro con una Chiesa africana molto giovane e dinamica, che ci ha accolto in modo così ospitale e ci ha fatto partecipare alla sua viva cultura, ha fatto di noi europei i destinatari. Erano state fatte amicizie, scambiate e-mail e fatti progetti per altre giornate di studio su Ratzinger in Africa. Vorremmo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito al successo di questo evento nell'Anno della Fede a Cotonou.

Michaela C. Hastetter

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: Joseph Ratzinger / Fondazione Papa Benedetto XVI

Benin_2013_01.jpg