CHIESA E STATO - CHIESA E SOCIETÀ

Incontro dei gruppi studenteschi a Castel Gandolfo 2018


Chiesa e Stato - Chiesa e Società


 
rapporto
 
Quest'anno c'è stato un piccolo anniversario da festeggiare a Castel Gandolfo. Su iniziativa di Papa Benedetto XVI. Nel 2008 un piccolo gruppo di giovani teologi è stato invitato per la prima volta nel paese di montagna sulle sponde del lago Alban per partecipare all'incontro annuale del gruppo di studenti dell'ex professore e cardinale che ripercorre dieci anni di incontri. Da allora molto è indubbiamente accaduto e sviluppato nell'incontro tra i gruppi scolastici. Ad esempio, il Papa emerito non partecipa agli incontri da quando ha rassegnato le dimissioni (2013), ma fissa per ogni anno il tema principale della conferenza ed è in stretto contatto con i membri dei due gruppi studenteschi con grande interesse per lo stato di avanzamento dei lavori. Inoltre, l'anno scorso, su richiesta di Benedetto, è stata costituita la Neue Schülerkreis come associazione registrata per continuare a penetrare in futuro la sua teologia su solide basi legali e le sue caratteristiche attraverso simposi, pubblicazioni e altri formati accademici, ma soprattutto nel Promuovere il proprio modo di pensare e di operare teologico e, su questa base, ricercare il dialogo con eminenti scienziati contemporanei.
 
L'anniversario è stato celebrato quasi inosservato e del tutto nello stile della teologia e della spiritualità di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto. Si potrebbe pensare alla nota regola fondamentale benedettina dell'Ora et labora. Incorniciato dal programma spirituale della preghiera in chiesa, la messa quotidiana e l'opportunità di rimanere in silenzio nella cappella della sala conferenze, si trovava accanto alle numerose unità di discussione che sono in corso dedicato alle questioni teologiche e alle proprie opere e progetti, nonché allo scambio di esperienze personali e ecclesiali, sabato come giorno effettivo della conferenza al centro dell'incontro. È stato dedicato al tema “Chiesa e Stato - Chiesa e società”.
 
 
La giornata che è stata celebrata con la chiesa come festa della “Natività di Maria” è stata aperta dopo la lode mattutina dell'Eucaristia celebrata dal cardinale Kurt Koch, protettore del New School Group. Nella sua notevole omelia ha sviluppato un po' di teologia del compleanno, che si relativizza nella prospettiva della fede e riceve il suo significato attuale e ultimo solo nel giorno della morte come "compleanno per la vita eterna". Ciò risulta anche dal fatto che la chiesa festeggia solo tre compleanni nel suo anno liturgico liturgico (oltre alla nascita di Gesù Cristo a Natale, alla nascita di Giovanni Battista e di Maria, la Madre di Dio), perché sono già guardando l'ingresso in questo mondo Fate risplendere la luce dell'eternità sul mistero dell'Incarnazione. Diversamente, per i santi gioca un ruolo decisivo la comprensione del giorno della morte come ingresso nella luce della gloria eterna.
 
La mattinata è stata dominata dalla dettagliata lezione del Professor Dr. Dott. Udo Di Fabio (nato nel 1954), giudice di lunga data della Corte costituzionale federale (1999-2011) in
il successore di Paul Kirchhof e attualmente professore presso l'Istituto di diritto pubblico (Dipartimento di diritto costituzionale) presso la Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität Bonn. Con il titolo "Limits of Law: For the Metaphysical Relationship of Necessary Orders", l'avvocato e destinatario di numerosi premi (tra cui "Reformer of the Year 2005" della FAZ, Premio Hanns Martin Schleyer, Gran Croce al Merito della Repubblica Federale di Germania), che è ben noto ben oltre i confini della giurisprudenza, ha progettato la Germania) la sua prospettiva della giurisprudenza basata sulla fede e sulla ragione.
 
 
Rivolgendosi ai padroni di casa, ha notato che Benedetto XVI. come persona rappresenta ciò che rappresenta come teologo, l'unità della fede e della ragione. Sulla base di questa unità, Di Fabio sviluppò la sua ermeneutica: “Se fede e ragione formano un'unità del diverso, allora deve essere possibile guardare il mondo dalla fede e dalla scienza secolare al contenuto teologico, nel rispetto del valore intrinseco della altri Ordine". Questa visione ha aperto la tesi di fondo del docente del “deficit metafisico” della giurisprudenza odierna nel contesto di una dimostrabile disfunzione parziale del diritto. La scienza secolare ha detto addio al regno del trascendente e il diritto ha abbandonato il carattere procedurale del suo sviluppo in vigore da molto tempo. Di Fabio ha perseguito un approccio di teoria del sistema qui. Il diritto è rivisto, modificato, ampliato e quindi sempre più complesso. È proprio questa differenziazione del diritto, che alla fine porta alla sua non osservanza in non pochi ambiti (es. Ogni scienza differenziata, però, ha bisogno di un polo opposto per la sua necessaria limitazione. Il diritto ha quindi bisogno di una rinnovata visione delle fonti della sua conoscenza, che gli diano pretesa ed efficacia.
 
 
Con il consenso di Joseph Ratzinger/Papa Benedetto XVI. In particolare, nel suo discorso di Regensburg (2006) ha descritto il rapporto tra fede e ragione e il loro reciproco riferimento differenziato, Di Fabio ha quindi invocato una più forte visualizzazione dei principi fondamentali del diritto, che scaturiscono sia dalla fede che dal potere dell'uomo pensiero e quindi dallo Sviluppare la responsabilità per la libertà che viene data. Come esempi, ha citato il riferimento a Dio nel preambolo della Legge fondamentale di Bonn e la struttura costituzionale del potere statale. La Legge fondamentale con il suo riferimento alla dignità umana è stato un tentativo di ripiegare sull'Illuminismo, dove nell'umanesimo rinascimentale l'immagine dell'uomo è stata formulata sulla base dell'immagine di Dio. Sulla base di un intricato rapporto tra filosofia ellenistica e rivelazione, la metafisica dovrebbe essere inclusa nella giurisprudenza. Secondo Di Fabio, credo e religione non sono al di fuori del mondo, ma nemmeno congruenti con esso. Per non mettere in pericolo la sua fede, la Chiesa deve quindi mantenere sempre una distanza ben fondata dal mondo e dalla politica, ma allo stesso tempo cercare di penetrarli. I pensieri del relatore sono stati considerati con grande approvazione dopo la lezione, ma allo stesso tempo anche sottoposti a uno sguardo critico in una discussione duratura e costruttiva.
 
Nel pomeriggio, il fulcro del lavoro è stato su brevi presentazioni e dichiarazioni, il cui contenuto ha proseguito le linee tematiche della mattinata. Quindi il prof. dott. Christoph Ohly, primo presidente della Neue Schülerkreis eV, con il titolo Gesunde Lai
città. Dimensioni del diritto ecclesiastico di stato di un concetto chiave nel pensiero di Joseph Ratzinger / Benedikt XVI. linee guida essenziali per questa visione ecclesiastica del rapporto tra Chiesa e Stato oggi. Ha sottolineato in particolare gli effetti della separazione propriamente intesa tra Chiesa e Stato, nonché la loro significativa cooperazione (Gaudium et Spes, 76) per il singolo credente e per la comunità ecclesiale. Infine, P. Prof. Dr. Vincent Twomey SVD, membro del gruppo studentesco, sul rapporto tra chiesa e politica nel contesto delle dichiarazioni di Joseph Ratzinger, anche sullo sfondo della situazione nel suo paese d'origine, l'Irlanda.
   
 
Anche quest'anno un gruppetto dei due gruppi di studenti ha potuto vivere l'incontro con il Papa emerito nel Monastero Mater Ecclesiae. Come sempre, era molto interessato ai risultati della conferenza e anche alle situazioni di vita personale e al lavoro dei membri di entrambi i gruppi di studenti. Ora possiamo guardare avanti con gioia e trepidazione all'incontro del prossimo anno!
 
 
Dott. Gruppo di studenti Josef Zöhrer Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI.
 
Prof. Dott. Christoph Ohly / P.Dr. Sven Conrad FSSP Nuovo gruppo studentesco Joseph Ratzinger / Papa Benedetto XVI. eV